23/24 Mar, Milano-Il Canto delle Amazzoni, Seminario con Morena Luciani Russo

23/24 Mar, Milano-Il Canto delle Amazzoni, Seminario con Morena Luciani Russo
L'incontro si svolgerà a Pessano con Bornago (Milano)

 

Per lungo tempo le Amazzoni sono rimaste nell’ambito della mitologia, donne guerriere leggendarie che popolavano gli incubi del mondo ellenico, tanto che la rappresentazione della loro morte da parte degli eroi greci è stata uno dei maggiori temi iconografici del periodo classico. In questa accezione le Amazzoni erano una società di sole donne che odiavano gli uomini, schiavizzavano i più deboli, eviravano i bambini e avevano rinunciato alla propria femminilità mutilandosi un seno.

Ad oggi, grazie alle ricerche archeologiche sappiamo che le Amazzoni erano donne guerriere in carne ed ossa ma molto lontane dal mito mostruoso che è stato costruito dai paladini del patriarcato. La parola Amazzone era preellenica e indicava gruppi esotici provenienti dalle steppe euroasiatiche all’interno dei quali le donne non erano sottomesse, erano abili combattenti e cacciatrici tanto quanto madri amorevoli dei propri figli e delle proprie figlie. Amazzoni è quindi “la tribù le cui donne sono uguali”, libere dai vincoli matrimoniali e impegnate nelle decisioni del clan, una visione della società che non poteva essere accettata dalla cultura greca che ormai esibiva le donne come trofei e le rinchiudeva nel gineceo.

Le Amazzoni erano anche un lignaggio di donne sciamane figlie di Artemide e di Cibele, dedite al culto della Signora della Foresta e delle Montagne, amiche di leoni, cinghiali, serpenti, grifoni. Le “armi” delle Amazzoni, l’arco, il pugnale, la lancia, l’ascia e la spada non erano semplicemente armi da guerra, ma strumenti sciamanici che facevano parte del corredo simbolico di molte dee nella loro forma oscura.

La forza assertiva delle Amazzoni va reintegrata nella nostra vita di donne, non solo dal punto di vista politico, ma rimettendo in gioco tutte le parti di noi, riappropriandoci del femminile feroce e allo stesso tempo compassionevole.
In questo seminario lavoreremo con l’energia di cinghiali e leonesse, cercheremo la fonte della nostra forza libera dalla rabbia e viva come un fuoco che vibra, arde e trasforma. La Terra necessita di una leadership femminile non fondata sull’ego né sull’emulazione dell’attuale modello del maschile distorto che opera nella politica, nella religione e nella cultura. Attraverso i processi estatici possiamo riattivare quella parte irriverente e impavida ma anche creativa e vivificante nella nostra vita personale e nella collettività che ci chiama ad agire.

Tutte le partecipanti porteranno un tamburo comodo da suonare in piedi oppure un sonaglio, lo strumento deve essere proprio e non prestato.

La lista dettagliata del materiale verrà inviata dall’insegnante al momento dell’iscrizione.

Visualizza la scheda del seminario QUI

INFO E PRENOTAZIONI

MAIL: scrivere QUI

 (per favore inserite un indirizzo email corretto, se no sarà impossibile rispondervi)

Possibilità di dormire in sala, contattare l’organizzazione per dettagli

 

 

CONTRIBUTO

Per partecipare è richiesto un contributo di 130 euro. Acconto di 50 euro da versare al momento dell’iscrizione.

 

SCADENZA ISCRIZIONi 18 febbraio 2019

Morena Luciani Russo è artista rituale, suonatrice di tamburo e ricercatrice, leggi la bio QUI.

 



Quando?
sabato 23 marzo 2019 - domenica 24 marzo 2019
Tutto il giorno

Dove?

Associazione Anaweel
Via Roma
Pessano con Bornago (Milano)